Migliore selezione di prodotti elettronici con le nostre recensioni

Libratone Q Adapt Cuffie In-Ear : Che sorpresa le ma la connessione lightning

Confezione e materiali:non conoscevo la libratone, ma sono rimasto stupito dalla loro qualità. Le cuffie hanno un design classico ma molto ben studiato, accattivante e con un corpo molto resistente in metallo così come anche il connettore lightning. All’interno della confezione troviamo semplicemente le cuffie ed i gommini per adattarle alle differenti dimensioni della cavità aurale, insieme ad un piccolo libretto di istruzioni. Le cuffie danno subito l’idea di solidità e robustezza, mentre il cavo è rivestito in nylon solo in parte, infatti nel punto in cui si sdoppia per portare l’audio ai due auricolari torna ad essere in gomma non rivestita. QualitÀ audio e funzione noise reduction:sulla qualità dell’audio nulla quaestio, devo ammettere che sono rimasto positivametne stupito. I bassi sono discreti per essere delle cuffie auricolari e la qualità anche ad alti volumi rimane costante, senza brusii, ronzii e rumori non graditi. Naturalmente, la comodità delle cuffie auricolari rispetto a quelle circumaurali sta anche nel fatto che a volumi medi percepiremo un suono molto più forte, in quanto “sparato” direttamente sul timpano. Purtroppo qualche neo ce l’ha, anche se non inficia particolarmente la qualità: ha infatti integrata una funzione di active noise reduction in grado di “registrare” e quindi eliminare i suoni provenienti dall’esterno. Avendo anche delle bose quietcomfort 35 (circumaurali) ho testato le due differenti tecnologie e queste ultime, dotate di bluetooth e batteria interna, sebbene godano di una qualità sonora quasi paragonabile, sono molto più performanti in tal senso. Il noise reduction sulle libratone è infatti buono, ma non così come nelle bose, dove a volumi anche davvero bassi non si sente assolutamente nulla dall’esterno (ovviamente, entro certi limiti).

Recensisco questi auricolari dopo averli provati per alcuni giorni su un iphone 6s plus, per un tempo complessivo di 6 ore dopo aver utilizzato il software del produttore per effettuare le migliori tarature sulla equalizzazione mentre il valore del noise reduction (chiamato city mix) preferisco gestirlo in funzione dell’ambiente e non parametrizzato in modo fisso. L’esperienza è stata molto positiva, il suono restituito dagli auricolari è risultato coerente alla fonte e la colorazione lieve ricevuta dal trattamento di riduzione del rumore a mio parere è più che accettabile. Ci troviamo di fronte ad auricolari di alta qualità, personalmente sotto il profilo della risposta acustica senza la funzione di noise reduction li ho confrontati con le bose soundsport anche loro con cavo ma connessione analogica e con le bluetooth b&o h5 e probabilmente sono quelle che su iphone 6s hanno resa migliore, questo è da attribuirsi sicuramente alla ottima circuiteria dac integrata che interpreta il segnale esclusivamente digitale in uscita dalla porta lightning. Anche nel paragone con gli auricolari originali apple contenuti in iphone 7 risultano superiori ma è un giudizio personale basato su un mio test di una trentina di minuti con tale prodotto, mentre la funzionalità di riduzione del rumore, che può comunque essere modulata sia da app che da filocomando come ho detto in prefazione, può essere o meno gradita sebbene personalmente per motivi di sicurezza in mobilità la ritengo ottimale quando configurata a metà scala in modo da rimuovere buona parte del rumore ma non isolare completamente. Come ogni circuiteria di noise reduction necessita di alimentazione aggiuntiva e la connessione lightning di iphone è sufficientemente potente per tale funzionalità, nel passato gli auricolari di marche diverse dotate di tale caratteristica con connessione analogica da me provati, necessitavano di un box con batteria o prelevavano (quando possibile) l’alimentazione dalla microusb dello smartphone se quest’ultimo era dotato di funzione otg, ma in entrambe le soluzioni il disturbo provocato dalla alimentazione aggiungeva comunque un rumore di fondo mentre con le libratone non è percepibile. Confezione elegante di elevata qualità in cartoncino robusto, look minimalista molto apple style, sono dotate di 3 paia di adattatori auricolari aggiuntivi in silicone ed un astuccio in similpelle per il trasporto con chiusura magnetica, troverete anche in una graziosa bustina un pieghevole con le istruzioni per un primo utilizzo oltre alle indicazioni per installare la app che comunque vi verrà richiesta al primo inserimento degli auricolari. Leggerissimi e molto comodi sono controllabili agevolmente con filocomando che permette la regolazione del volume con i tasti + e – , con il pulsante o il play, lo stop, la risposta alle telefonate e il movimento tre i brani (doppio e triplo click) e con il pulsante quadrato l’attivazione dei vari livelli di noise reduction. La app permette la definizione standard del citymix oltre che la regolazione della enfatizzazione di alti o bassi. Alcuni si chiederanno perché il prodotto non è nato con un adattatore lightning in modo da poter utilizzarlo anche con jack da 3. 5 mm su altri terminali, ma è semplice comprenderlo, tutta la circuiteria sia dac che noise reduction è integrata in un unico processore nel filocomando, il flusso audio quindi viaggia a livello digitale fino a tale accessorio dove viene rielaborato e mixato con le frequenze del citymix e solo nell’ultima parte del cavo è presente il segnale analogico che arriva agli straordinari diffusori, un adattatore sarebbe stato quindi possibile in questo modello solo da dopo il controller e a questo punto avreste avuto un normale paio di auricolari senza noise ruduction, senza controlli e comunque con conversione audio analogica interna allo smartphone e quindi dipendente eccessivamente dalla qualità di quest’ultimo, ma è proprio quello che libratone nella propria politica di progettazione voleva evitare per garantire qualità assoluta.

Descrizione, Dai più ritmo alla giornata con le prime cuffie alimentate Lightning e CityMix riduttore di rumore. Funzionalità al momento disponibile solo per iPhone, presto in arrivo per altri dispositivi.

Contenuto della confezione, Libratone Q Adapt Cuffie, 3 misure differenti, Sacca da trasporto, Guida Rapida

Per carità, l’innovazione va fatta, ma credo che questa generazione di cuffie sia una delle cose che durerà di meno nella storia tecnologica, a meno che non si prendano le giuste decisioni il prima possibile. Sulle auricolari in realtà c’è davvero poco da dire. Libratone ha fatto un ottimo lavoro ad un prezzo non esasperato per questa tipologia (andando sulle alternative equivalenti con jack aux e alimentazione per la riduzione del rumore, o bluetooth) non è difficile stare sulla soglia dei 250€ e superare talvolta anche le 300€. Ma iniziamo a vedere come si comportano questi auricolari nella vita di tutti i giorni. La ***confezione*** unisce minimalismo ed eleganza in maniera unica. Piccola compatta, quasi piacevole da portare dietro e da osservare come semplice oggetto di stile. Le forme ovali con due piccole finestre che lasciano intravedere il prodotto sono a dir poco fantastiche e restituiscono una grande voglia di spacchettare il prodotto e indossare quelle cuffie. Azione che, una volta compiuta, lascia ad un attimo di contemplazione. Trovati i giusti gommini, le cuffie risultano di una morbidezza e comodità senza pari, almeno tra le numerose auricolari che fino ad oggi ho avuto modo di provare.

Avendo testato già un altoparlante e le cuffie della libratone di cui sono rimasta abbastanza soddisfata mi aspettavo molto di più. Anche questa volta la qualità dei componenti stupisce positivamente e non lascia dubitare sulla duratura. Ottimo design, come nei tutti prodotti libratone, peso piuma, un bel mix tra color argento e bianco. Materiali plastica rigida e gomma. Qui trovo il primo contro – a prezzo richiesto dal produttore mi aspettavo almeno la costruzione in alluminio, invece che plastica, comunque a migliorare la mia opinione è stata la scelta del cavo in nylon e la idea di aggiungere un simil telecomandino rivestito di gomma, molto manneggevole per poter gestire l’ascolto della musica senza dover occupare le mani con lo smartphonein aggiunta una piccola bustina nera per poter riporre le nostre cuffie e trasportarle ovunque. Gli auricolari hanno l’estremità del cavo lightning e sono dedicate all’utilizzo con i prodotti apple, a breve testero se funzionano con un adattatore e qualsiasi altro smartphone. Libratone in-ear sono create per inserirle dentro l’orecchio e devo dire che ero un po perplessa perche solitamente questo tipo degli auricolari tende di uscirne con ogni movimento invece no, le libratone sono ferme immobili anche durante la corsa o qualsiasi attività fisica. Le gommine sono stramorbidissimi e piacevoli nell’utilizzo. Nella confezione troviamo le altre di ricambio, ma sono facilmente lavabili e possiamo reutilizzarle. Il telecomando h 4 tasti:- tasto antirumore- volume +- play/pause- volume -dall’altra parte del telecomando troviamo il microfono incorporato.

  • Che sorpresa le Libratone ma la connessione lightning
  • Ottime cuffie ma troppo alto il prezzo
  • Le cuffie sono molto belle, l’attacco lightning

Libratone Q Adapt Cuffie In-Ear, Active Noise Cancelling, Nero

  • Clicca qui
    per verificare la compatibilità di questo prodotto con il tuo modello
  • CityMix – Adjustable ANC – con CityMix ed il suo riduttore del rumore, decidi tu se lasciare il ritmo della tua città dentro o fuori la tua playlist
  • I Fantastici Quattro – Usa i 4 bottoni per controllare e accedere da remoto CityMix: attiva il Silenzioso, clicca Play, Pausa, chiama e ricevi telefonate o, più semplicemente, metti a tutto volume
  • Auricolari intercambiabili – disponibili con 4 misure differenti, perfetti per garantirti un ascolto confortevole e sempre più facile
  • Connessione Lightning – connetti il tuo iPhone alle tue cuffie con una connessione veloce grazie alla tecnologia Lightning
  • App semplice e veloce – Imposta e controlla il tuo altoparlante tramite l’App Libratone, scaricala direttamente da Google Play o dall’App Store

L’usignolo è un chiaro richiamo alla fiaba del danese hans christian andersen, lo stesso usignolo che con il suo dolce canto affascinò la stessa morte che abbandono l’imperatore, il quale guarì. La mia impressione dopo ore di utilizzo è che questi auricolari sono in grado di dare enormi soddisfazioni mentre ascoltiamo la nostra musica preferita. I bassi sono corposi ma non eccessivi, ottimo è nel complesso il bilanciamento dei toni. L’audio in telefonata è perfetto da ambedue le parti. Riduzione del rumoreil sistema di riduzione attivo del rumore citymix non è solamente efficace ma anche ben pensato, con le sue diverse regolazioni che consentono un livello di isolamento graduale da quelle frequenze esterne che disturbano l’ascolto. La differenza di efficacia, tra case costruttrici, della riduzione del rumore attiva è talvolta il risultato di un modo di intere la stessa in maniera diversa. Qui le frequenze di fondo vengono ben attutite quando eliminate del tutto. Fare confronti con le quitecomfort è a parer mio inutile e non vanno erroneamente considerate come benchmark di questi sistemi. Seppur mi affascina il silenzio artificiale che le bose riescono a creare non mi piace ascoltare la musica ignaro di ciò che mi accade intorno. Questione di gusti evidentemente. Connessione lightningquesto modello in-ear è dotato di attacco lightning. Sono, quindi, appositamente realizzate per iphone o ipad (dotati ovviamente di tale ingresso). E’ chiaro che strizzano particolarmente l’occhio al nuovissimo iphone7 che come sappiamo non è dotato di jack audio da 3,5mm.

Io sono un fan della apple e non me ne vergogno a dirlo, ho avuto il primo (e secondo, e new) ipad, l’ipod originale, quello touch, un macbook pro retina e così via. Un po’ per lavoro ma soprattutto per passione ho sempre voluto provare i loro prodotti e con tanto amore nel cuore ammetto senza problemi che hanno un posizionamento nel mercato estremamente ambizioso, alzando i prezzi a dismisura di tutto quello che vendono (anche il più semplice degli adattatori). Mi sembra che su queste cuffie accada un po’ una cosa simile: hai preso un iphone 7 che ha solo il connettore lightning?. Allora ti ciucci le cuffie da 180€. In verità per quanto si sentano bene queste cuffie sono tranquillamente paragonabili ad alternative da 40-50 €, banalmente perché tutta questa attenzione al noise-cancelling non c’è. Il ronzio che altri accusano durante lo standby delle cuffie è l’effetto appunto del noise cancelling: ricordiamoci che queste sono cuffie attive e non passive perchè non sono connesse dal classico jack da 3,5 (che praticamente non fornisce tensione) ma dal connettore lightning che invece le alimenta. Nel complesso sono un bellissimo oggetto, arrivano in un pacco minimalista ed elegante, hanno un ottimo comfort e quindi sono buone cuffie ma semplicemente non valgono l’investimento. Ps: per la costruttività di tutti, qualora non siete d’accordo con il mio parere, oltre a votare come volete questa recensione lasciate anche un commento così che io possa capire il vostro punto di vista e offrirvi un giudizio più complessivo la prossima volta.

Provate sia con iphone 5/6 che con iphone 7su iphone 5/6 si sento decisamente bene, ottimi bassi ed alti bilanciati. Su iphone 7 plus sono una bomba. Non so per quale motivo, probabilmente e sicuramente per i chip audio nettamente migliorati sul 7 rispetto al 6 e all’uscita dedicata lightning. Non danno assolutamente fastidio indossatisi parla di riduzione del rumore, ma nessuno spiega come funziona o come è possibile questa tecnologia. Cerco in breve di spiegarlo:quando siamo per strada o in luoghi con rumore di fondo oltre a sentire la musica il nostro orecchio percepisce anche il rumore soprattutto se ascoltiamo le cuffie ad un livello di volume molto basso. Qui entra in funzione il microfono delle cuffie(in pratica quello che usiamo per far sentire la nostra voce durante le chiamate)che cattura il rumore lo fa passare in un processore e lo analizza. Una volta analizzato genera un segnale opposto ed esattamente speculare a quello del rumore. Infine lo sovrappone cosi eliminando elettronicamente il rumore, e questo avviene in tempo reale. Piu rumore c’e nell’ambiente pero maggiore sarà la difficolta di eliminare tale rumore. Faccio un esempio, quando si è in treno il rumore e sempre lo stesso (stessa frequenza ripetuta), quindi il processore avrà una certa facilità nel generare l’opposto delle frequenze ed a sovrapporle.

Stufo della scarsa qualità delle cuffie bluetooth (eppoi un’altro oggetto da caricare), ne volevo un paio che sfruttassero le possibilità date dalla porta lightning dell’iphone. Cercavo qualità e portabilità. Sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla qualità audio, veramente soddisfacente meglio delle qc35, anche se queste sono insuperabili per il noise cancelling, punto su cui le libratone lasciano un pò a desiderare. Perchè questa sia efficace è necessario trovare la giusta configurazione di gommini, ma anche così a volte ci si chiede: è attiva?forse potevano renderla un pò più ‘aggressiva’. Un trucchetto: una volta individuata la dimensione giusta per le vostre orecchie, provate a ruotare i gommini per dare maggiore stabilità e tappare megliomi sarebbe piaciuto avessero offerto archetti e/o linguette rimovibile. L’app da installare è soprattutto utile per l’aggiornamento del firmware.

Le caratteristiche fondamentali di questo paio di auricolari sono due: connettività lightning e cancellazione attiva del rumore. Se è quello che ti interessa, ecco come si comportano. Estetica e qualitÀ costruttiva: sono auricolari di fascia alta, in perfetto stile apple. Plastiche di qualità, filo in corda, design e costruzione perfetta. Non ci sono difetti da segnalare. IndossabilitÀ: attenzione perché non si tratta di veri auricolari in-ear, nonostante vengano chiamati in questo modo. Piuttosto si possono descrivere come dei normali auricolari (che non è un fattore negativo), con una cuffietta particolare che si allunga all’interno del canale uditivo. Questo permette prima di tutto di indossarli più facilmente, migliorandone il comfort, ed evitando di avere quell’effetto “tappo” che può dare fastidio, soprattutto in lunghe sessioni di ascolto. Di contro, il non totale design in-ear limita l’isolamento acustico fisico dall’ambiente esterno. L’ergonomia generale ne beneficia, infatti sono auricolari molto, molto comodi.

Esteticamente belle e ben realizzate: ottimo materiale, alluminio e cavo in tessuto morbido e anche abbastanza pesante. Sembrano fatte per essere viste più che ascoltatele cuffie si inseriscono benissimo nell’orecchio con un set di gommini ampi e confortevoli di varie misure. Gommato e con il tasto specifico per il noise cancelling che puoi attivare solo se hai la app. C’è sempre sto rumore bianco (fruscio) di fondo mentre stai al telefono o tra una traccia e laltra (. E non è bello quando sei al silenzio). Il microfono funziona bene durante la conversazione e dall’altra parte mi sentono molto bene.

E’ contenuto in una bella scatola di cartone bianca. – headset- tre coppie di auricolari di varie misure- piccola borsa inera per riporli dopo l’uso. – caratteristichei materiali di queste cuffie in-ear sono di buona qualità. Hanno il connettore ligthing, quindi sono adatte solo agli iphone e ipad dotati di questa connessioni (i nuovi modelli sono primi della connessionencon jack da 3,5 mm). Gli inserti in silicone sono ottimi e aderiscono bene al padiglione auricolare: l’impressione è di comoda leggerezza unita ad una buona aderenza. Il jack misura 3,5 mm, lo standard di quasi tutti gli apparecchi di questo tipo. Il cavo è molto sottile, avrei preferito un cavo piatto anti-attorcigliamento. Disponibili nei colori nero, beige, rosa e bianco. La resa audio è buona e regge decentemente anche la musica operistica che il test migliore per questo tipo di apparecchiature, dato che le voci liriche hanno una grande estensione dai bassi agli acuti.

Next PagePrevious Page
Tags:
Similar Posts