Migliore selezione di prodotti elettronici con le nostre recensioni

Libratone Q Adapt Cuffie senza Fili On-Ear : Perfette o quasi Peccato!

Sicuramente la cosa che ci stupisce al primo impatto è il packaging davvero innovativo e bello. Scatola di cartone rotonda che visivamente si distingue dalle solite scatole rettangolari. All’interno anche il cavo per caricarle, il manuale molto caratteristico per i prodotti libratone ed una busta in tessuto per trasportarle. Le specifiche:queste cuffie sono on-ear con il collegamento bluetooth, ma funzionano anche con il cavo jack. Davvero ottima la batteria interna con la duratura in circa 20 ore. Molto particolare la modalità del tocco sul padiglione destro (cambio volume). Le cuffie hanno una bella struttura, l’arco rivestito in tessuto, i padiglioni con i cuscinetti morbidissimi, ma per i miei gusti un po piccoli. Sulla cuffia sinistra troviamo il pulsante on/off. Attivando le cuffie possiamo notare segnali acustici simili al canto dell’ucellino ed inoltre uccello disegnato sulla cuffia destra lampeggia. In primo momento si attiva la connessione bluetooth e le cuffie vengono riconosciute nel modo immediato dai nostri dispositivi.

Libratore q adapt gran belle cuffie bluetooth. Breve comparazione con bose m35cuffie appartenenti al segmento medio alto. Ottimi spunti per un ascolto tendendente all’hifisono cuffie circumaurali aperte dotate di riduzione del rumore, le quali grazie all’app libratore, scaricabile gratuitamente dagli store android e apple, oltre a poter essere equalizzate, offrono anche la possibilità di isolare in maniera differente l’ascoltatore dai rumori ambientali. Possiedono comandi touch molto ben funzionanti sugli auricolari, anche se gli stessi non risultano essere sempre facilmente manovrabili a causa del loro posizionamento. Appena indossate e messe in funzione, queste cuffie, mi hanno fatto una ottima impressione per la qualità del suono trasmesso. Ho percepito dei bassi molto profondi, anche se le frequenze alte mi sono sembrate un tantino sovradimensionate. Grazie alla loro bassa impedenza il volume risulta essere forte su qualsiasi device, compreso gli smartphone. Si riescono a cogliere diversi dettagli della composizione, impossibili da percepire con prodotti di categoria inferiore. Anche la spazialità del suono appare piuttosto buona. Si riesce cioè quasi a individuare la distribuzione fisica dei musicisti.

Descrizione, Affidati a CityMix per decidere cosa e quanto ascoltare della tua città. Goditi la tua musica in tutta comodità e stile, senza fili.

Contenuto della confezione, Libratone Q Adapt Cuffie, USB 2.0 cavo da ricarica, 3.5 cavo Audio, Custodia da trasporto, Guida rapida

Cuffie meravigliose, sia esteticamente che qualitativamente. Il soft touch funziona benissimo, il paring è immediato e l’applicazione ben fatta. La qualità del suono è ottima considerando che sono cuffie on ear (inutile paragonarle con le bose over ear), il noice reduction è regolabile su 3 livelli e funziona vergognosamente benedecisamente più belle, con materiali più ricercati e con stile a rispetto delle varie bose e beats. Sfortunatamente ho duvuto fare un reso perché almeno sulla mia testa non ci stanno, decisamente troppo grandi tendono a scivolare e a sfilarsi appena muovo la testa. Decisamente fastidioso e mi rendeva il loro utilizzo impossibile. Meriterebbero 5 stelle ma per la scarsa vestibilità non posso assegnare il massimo. Beato a chi gli stanno a pennello.

Terzo prodotto libratone che ho modo di provare in pochi giorni e la mia ammirazione verso questo produttore danese è andata progressivamente aumentando, soprattutto quando ho provato a paragonare le q adapt con cuffie di fascia di prezzo simile in mio possesso come bose quckconnect 35. Stiamo parlando di audio quasi hifi in mobilità che in queste libratone riesce a mio parere a raggiungere livelli ottimali soprattutto nella funzionalità noise reduction senza particolare colorazione dell’audio nell’uso di questa opzione. Qualità costruttiva ineccepibile, materiali pregiati e tecnologia avanzata sono ormai il biglietto da visita della libratone e le innovazioni introdotte nelle q adapt sono straordinarie. Dotate di archetto in metallo con protezione in stoffa, sono vincolate ad esso con dei supporti angolati, anch’essi costruiti in metallo con una elevata libertà di movimento in rotazione che facilita l’ergonomia di utilizzo. I padiglioni sovraurali non troppo grandi sono ricoperti in pelle ecologica, l’imbottitura è morbida e piacevolei pulsanti sotto gli auricolari facilmente accessibili così come gli ingressi microusb per la ricarica e il jack da 3. 5mm per collegarli con cavo invece del bluetooth. Tutti i controlli di volume, gestione della navigazione nei brani e funzione di assistente sono touch, attivabili direttamente toccando la cuffia esterna con il logo illuminato dell’usignolo. Ruotando il dito aumenterete o diminuirete il volume, toccando una sola volta con due dita potrete fermare e far ripartire il brano, doppio tocco per avanzare, triplo tocco per tornare all’inizio o al brano precedente. Qualora siate in movimento e voleste interloquire con chi vi sta vicino potete evitare di togliere le cuffie, basterà coprire l’usignolo con il palmo della mano e si attiverà la funzione hush in grado di amplificare le voci ambientali fermando completamente la musica, gesture analoga per riprendere l’ascolto. La riproduzione si fermerà anche togliendo le cuffie ed appoggiandole in orizzontale.

  • Suono caldo e rotondo, design superlativo
  • Perfette o quasi Peccato!
  • La qualità audio e riduzione del rumore sorprendente, ma

Libratone Q Adapt Cuffie senza Fili On-Ear, Active Noise Cancelling, Nero

  • Clicca qui
    per verificare la compatibilità di questo prodotto con il tuo modello
  • CityMix – Adjustable ANC – con CityMix ed il suo riduttore del rumore, decidi tu se lasciare il ritmo della tua città dentro o fuori la tua playlist
  • Connessione Bluetooth – Connetti il tuo telefono alle cuffie Libratone via Bluetooth
  • App semplice e veloce – Imposta e controlla il tuo altoparlante tramite l’App Libratone, scaricala direttamente da Google Play o dall’App Store
  • Ricarica – grazie a 15-20 ore di batteria il divertimento non ha mai fine

Arrivano in un’elegante scatola circolare che contiene, oltre alle cuffie, una custodia in simil pelle con un gancetto-magnete, un cavetto usb per ricaricare la batteria interna, un cavetto jack 3,5 mm se uno volesse collegarle direttamente a una sorgente audio nel modo tradizionale e non in bluetooth, e due foglietti di istruzioni. Sin da subito saltano all’occhio il design minimale ma chic, e i materiali di indubbia qualità: l’archetto/mezzaluna è leggermente imbottito e rivestito di un tessuto reticolare che non si appiccica ai capelli; le cuffie sono ruotabili di 300 gradi circa, sono piacevolmente morbide al tatto e, cosa più importante, non mi fanno venire le orecchie rosse come altre cuffie over-ear che ho ricevuto finora. Sono allungabili di circa 3 centimetri, una manna per chi ha la testa grossa come me. Sulla cuffia sinistra, lungo il bordo inferiore, c’è il tasto d’accensione da tenere premuto 2-3 secondi finché l’icona dell’uccello non si illumina. Questo tasto, se premuto leggermente con le cuffie già accese, serve anche per sapere il livello della batteria (si illuminano una serie di puntini disposti circolarmente attorno all’usignolo. A seconda di quanti se ne accendono si può dedurre la carica residua). Sulla cuffia destra invece, troviamo la porta microusb per ricaricare la batteria interna, il led (si accende e spegne progressivamente mentre sono sotto carica e rimane fisso quando la batteria è al 100%), il foro jack 3,5 mm per collegare le cuffie nel modo tradizionale, e il tasto multifunzione che serve per avviare il setup in wifi o bluetooth. La cuffia destra con l’usignolo è l’unica ad avere il touch capacitivo, sia per pausare/riprendere la riproduzione o rispondere a una telefonata, sia per alzare/abbassare il volume. Intervenire sulla cuffia destra non è un’operazione che va sempre “liscia”, nel senso che a volte è un po’ triboloso far ripartire la musica, devi fare tap più di una volta (con due dita, con uno solo non va proprio). Questo perché, per farle recepire il comando, devi azzeccare proprio l’usignolo, ma senza vederlo non è facilissimo, ecco.

Questa volta mi sono preso un po’ di tempo libero prima di recensire la cuffia della libratone q adapt. La prova d’ascolto dei prodotti libratone ricevuti dal programma vine l’ho determinata dopo attenta selezione di alcuni brani di riferimento. Musica moderna di generi differenti che spaziano dal rock progressive – al jazz – rock funkeggiante – rock blues elettrico e brano classico jazz in elettro acustico. Essendo un musicista dal lontano 1973 sono brani che conosco praticamente a memoria , suoni , strumenti , profondità e calore sono oramai memorizzati permanentemente dopo ascolti continuativi negli anni attraverso quanto di meglio il mercato hi – end potesse presentare dal 1980 al giorno d’oggi. Chiedo venia se alcuni musicisti e brani saranno ai più semisconosciuti ma la selezione è stata effettuata tenendo conto delle caratteristiche di incisione e di qualità e definizione musicale. East of eden – northern hemisphereif 3 – fibonacci’s numberjohn mayall – ain’t no brakemandiana krall – popsicle toesiniziamo la recensione descrivendo brevemente la cuffia q adapt. Innanzitutto la confezione circolare con il logo della libratone dono immediatamente un gran senso di accuratezza e di eleganza. Come ripeto da sempre i prodotti di livello si distinguono anche da certe finiture marginali. All’interno della confezione troveremo ben protetta all’interno di una custodia in similpelle nera il nostro oggetto del desiderio , ovvero la q adapt. Accompagnano la cuffia e custodia il cavo di ricarica usb , un cavo jack – jack 3,5 per collegamenti ad apparecchiature sprovviste di bluetooth, un manuale di utilizzo rapido.

Le cuffie a cancellazione attiva del rumore sono un mio pallino da anni. Ho iniziato con delle jbl comprate a hong kong a oltre 300 euro e poi ho provato ogni altro modello sul mercato: bose, sennheiser, bang & olufsen per citare alcune marche. Ecco perché mi accingo sempre con passione e interesse a recensire un nuovo modello specialmente di una marca emergente come libratone. Le cuffie sovraurali libratone q adapt mi piacciono per il design e la buona qualità dei materiali; hanno anche un buon suono e una sufficiente qualità della cancellazione attiva del rumore. Non mi piace il fatto che siano un po’ pesanti e scomode anche se in effetti in parte è una questione di gusti: c’è chi odia le circumaurali, come le bose qc 25 o qc 35 per esempio e ama le sovraurali altrimenti dette on-ear. Per me è il contrario, se voglio delle cuffie capaci di isolarmi dai rumori urbani, dai miei funesti colleghi piuttosto che da quelli di treni o aerei, cerco il top. E spesso il massimo della riduzione del rumore lo trovi nelle circumaurali, ovvero quelle che ti avvolgono le orecchie aggiungendo un isolamento naturale a quello garantito dall’elettronica. Il problema delle libratone è anche che sono proposte a un prezzo troppo elevato. Certo, le concorrenti non costano poco: le versioni bluetooth delle cuffie a riduzione del rumore di bose e sennheiser hanno qualità migliori ma costano almeno 100 euro in più – e non sono noccioline. Venendo alla tecnia, la cancellazione del rumore su un paio di cuffie aperte, on-ear, potrebbe sembrare qualcosa di non ideale e infatti è così.

Se vi piace viaggiare senza sentire rumori intorno a voi (specialmente su aerei e treni) o se mentre siete a casa volete rilassarvi al 100% ascoltando musica lasciando i suoni esterni letteramelte fuori dalla porta le cuffie con noise cancelling sono perfette. Libratone ha appena lanciato sul mercato le cuffie con active noise cancelling, sulla scia dei concorrenti (senheiser, bose, etc). Sono contenute in una scatola rotonda molto d’effetto visivo. Hanno una custodia in materiale plastico morbido con una chiusura magnetica un po’ deludente (avrei preferito una custodia rigida per quando le porto in giro). Design: delle cuffie vermanete ottimo. Gli auricolari sono ricoperti in materiale simil pelle molto morbida e sono molto comodi (adatti a chi a orecchie piccole in quanto i padiglioni in se’ non sono molto grandi). Archetto con anima in plastica molto dura rivestito in materiale tipo tessuto morbido a contatto con il cranio. Archetto aggiustabile nella larghezza (e’ ok per chia ha la testa di grandezza media). Mi piace veramente molto la parte di metallo che unisce i padiglioni auricolari al cerchietto delle cuffie. Una soluzione diversa rispetto alla concorrenza e d’impatto visivo (sono una fan del design).

Confesso che non conoscevo questa marca danese di cuffie, ma dopo averle utilizzate per diversi giorni posso dire che sono state una gran bella sorpresa. Già dalla confezione si capisce che siamo di fronte a qualcosa che si differenzia dalla concorrenza. Una scatola a forma di cialda gigante con all’interno una sorta di sacca flessibile in finta pelle dove è riposta la cuffia. Design 🎧¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯¯un punto di forza è senz’altro il design; quasi minimal, padiglioni on-ear a rotazione con perno in robusto metallo. Non sono ripiegabili, ma la rotazione dei padiglioni consente di “spianarle” per farle occupare poco spazio (perlomeno in larghezza). Cavetti originali anch’essi; non gommati ma ricoperti di tessuto intrecciato, bianco&grigio in stile simil-apple. Quando le si indossa ricordarsi che l’uccellino va sul lato destro (regola mnemonica). La feature che fa la differenza, comunque, è rappresentata dalle gestures sul padiglione destro. Rotazione in senso orario ->aumento volumerotazione in senso antiorario ->diminuzione volumecomoda la possibilità di utilizzare il tap con 2 dita per mettere in pausa il brano (anche se qualche volta, mi pare, non recepisce il contatto).

Poco da dire a proposito, libratone ha fatto davvero un lavoro eccellente per quanto riguarda materiali e design e all’occhio risultano davvero gradevoli, eleganti piacevoli da toccare. Costruite con cura certosina, con un archetto in tessuto superbo e materiali con cui è impossibile rimanere impassibili. Peccato che cotanta cura si riveli nell’utilizzo giornaliero non adatta a tutti, soprattutto se intendete usare queste cuffie in giro, magari sul tram o mentre camminate. Vi spiego tutti i motivi nella recensione, ciò che mi ha convinto e ciò che invece mi lascia perplesso. ***tipologia di cuffie***credo sia importante specificare fin da subito che si tratta di un paio di cuffie on-ear chiuse. Questo significa che i padiglioni andranno ad appoggiarsi direttamente sull’orecchio, esercitando pressione, e che lo spettro sonoro prodotto non sarà avvolgente e profondo come altre tipologie di cuffie. Ottimo invece l’isolamento acustico passivo, dato che fanno praticamente da tappo. Il comfort è solo discreto. La pressione esercitata (almeno per chi ha una testa grande come la mia) alla lunga crea un pò di fastidio, inoltre la conformazione dell’archetto lo rende poco pratico.

Libratone q-adaptho già da un po’ delle bose quietcomfort 35, cuffie circumaurali di eccellente qualità e dotate del più quotato sistema di cancellazione del rumore. Non riponevo grandi aspettative, quindi, nelle q-adapt di libratone, marchio che personalmente non conoscevo, posto anche il prezzo sensibilmente inferiore rispetto al modello bose. Ma i prodotti vanno provati ed in effetti l’uso delle q-adapt ha rivelato che le cose sono ben diverse da quello che mi attendevo: in sintesi hanno qualità audio eccellente ed un sistema di cancellazione del rumore di prim’ordine, mentre peccano un po’ quanto al comfort. Iniziando con quello che è l’aspetto più importante di un dispositivo di riproduzione sonora, la qualità dell’audio è semplicemente eccellente. Varie prove condotte hanno evidenziato, con mia notevole sorpresa, che il suono generato delle q-adapt, che per la precisione sono cuffie sovraurali, è persino leggermente migliore di quello reso della bose quietcomfort 35, che già sono su livelli di eccellenza. Più test eseguiti su brani di alta qualità di genere totalmente diverso non hanno lasciato dubbi sull’esistenza di un leggero vantaggio, che consiste in un suono lievemente più definito ed in generale in una maggior purezza dell’audio. Si tratta di un vantaggio minimo, naturalmente, perché il prodotto bose ha già prestazioni elevatissime. Le libratone q-adapt fanno percepire qualche sfumatura in più e danno una sensazione di sonorità più nette. La percezione generale è quella di avere un suono più naturale, meno filtrato e più realistico. Molto apprezzabile anche il bilanciamento del suono.

Next PagePrevious Page
Tags:
Similar Posts